06212018Thu
Last updateMon, 18 Jun 2018 4pm

Apprendere la leadership dal peggior manager del mondo

Leader si nasce. Forse è bello crederlo per chi si trova ad esercitare la leadership. Ha del rassicurante e può rappresentare una conferma (anche narcisistica) della propria attitudine e del proprio ruolo, una consacrazione del proprio mandato. Ma affermare che leader si nasce ha del vero? Sì, ma solamente in piccola parte.

Chi è portato al raggiungimento di posizioni di leadership è aiutato da una predisposizione genetica. Lo suggerisce uno studio pubblicato recentemente sulla rivistaThe Leadership Quarterly da parte di un gruppo di ricercatori dell’University College di Londra, School of Public Policy.Studio che però ci dice anche che tre quarti della tendenza a diventare leader dipende da situazioni ambientali e culturali. Cioè dall’apprendimento.

Lezioni di leadership ispirate dal più celebre mafioso d'America: in memoria di James Gandolfini

Per coloro che non sono stati catturati dalla Sopranos-mania gli episodi di questa serie narrano la vita di un capo mafia nella New Jersey di oggi, Tony Soprano. Personaggio finzionale, e a dir poco profano, che ha però qualcosa da suggerirci riguardo all’idea, non più attuale né attualizzabile, del leader come “eroe solitario”.

Masterchef e l’arte di gestire la complessità

In un’interessante post apparso HBR Blog Network, Richard Straub si chiede cosa impedisca al management di abbracciare la complessità e perché all’innegabile crescendo di questa della nostra realtà non siaseguito un adeguato cambiamento nelle pratiche manageriali.

È evidente che il mondo si sia fatto più complesso, suggerisce Straub. Turbolenze economiche e sociali, ridotta prevedibilità, pervasività della tecnologia, flusso ipertrofico di dati e informazioni, iperconnettività, atomizzazione dei comportamenti di consumo, innovazione continua e accelerata rendono il desiderio di controllo sulla realtà del manager assiduamente frustrato. Una complessità a cui non si può rispondere con approcci esclusivamente algoritmici e procedurali.