04202018Fri
Last updateWed, 18 Apr 2018 10pm

La lunga strada verso le competenze digitali

Quando oggi si parla molto, forse troppo, dei ruoli e delle competenze richiesti dalla trasformazione digitale, prima di approcciare la mole di sillabi e di elenchi di competenze disciplinari o incardinate ai profili di ruolo, vale la pena di provare a prendere in considerazione alcuni aspetti, diciamo di fondo, che servono a inquadrare il tema e a problematizzarlo.

Prima di tutto, per ipotizzare competenze, sia tecnico scientifiche che trasversali, bisogna a mio parere guardare alle attività e ai task che le competenze servono a svolgere. E sono attività profondamente innovate dai processi trasformati dall’Intelligent data processing, dagli algoritmi complessi che consentono alle macchine di apprendere e dalla capacità dei sensori applicati alle macchine di interagire tra loro, per parlare solo degli aspetti più salienti che vanno sotto il nome di Industry 4.0.

Il lavoro mentale

Mi limito al settore del manufacturing, che più conosco, per dire che tali applicazioni, attraverso l’anomaly detection, la predictive analysis e la pattern discovery, rendono squisitamente mentali una serie di attività tipiche del processo produttivo, quali la manutenzione preventiva, la riduzione degli scarti, il miglioramento della qualità, l’analisi delle fermo-macchina per prevenirne le cause, il monitoraggio e il riallineamento dell’intero processo produttivo E con ciò enfatizzano le componenti cognitive non solo del lavoro tecnico ma anche di quello operaio.

Una nuova cultura 4.0 come prerequisito per la Smart Factory

La Sew-Eurodrive Italia punta all’ottimizzazione massima della produttività per riuscire a diventare una Smart Factory.  Sew Eurodrive Italia fa capo ad una multinazionale tedesca leader mondiale nella produzione e commercializzazione di prodotti e sistemi per l’automazione industriale, logistica e di processo. La gamma dei prodotti offerti comprende, oltre a tecnologie elettromeccaniche, anche l'elettronica dedicata, sulla base del concetto che solamente una tecnica di controllo e di regolazione perfettamente adatta agli azionamenti è in grado di offrire dei risultati ottimali https://www.sew-eurodrive.it/homepage.html.

Social recruiter, di quale professionista parliamo?

Il Recruiting è una fusione di diverse skill: non basta essere un buon sourcer o un valido consulente di ricerca e selezione, bisogna avere un buon bagaglio di esperienza pratica per poter sfoderare la giusta abilità al momento giusto. Fare social recruiting vuol dire mettere in gioco un bouquet di competenze, alternandole e mixandole, in un processo di apprendimento continuo dove convergono le attività tipiche legate a recruiting, sourcing, HR management e ricollocazione: